Corso Accessibilità Web

Negli ultimi anni si parla molto di accessibilità del web. Ma cosa si intende per accessibilità? Con questo concetto non si fa altro che riferimento alla capacità dei sistemi e delle architetture informatizzate – secondo quelli che sono i limiti della conoscenza in ambito tecnologico – di rendere ed erogare servizi informativi fruibili da tutti senza alcuna discriminazione. Anche per chi ha, per cause di disabilità di varia natura, necessità di tecnologie assistite o particolari configurazioni informatico-tecnologiche.

Il corso di Accessibilità Web, della durata di 38 ore articolate in 19 lezioni da 2 ore ciascuna, ha l’obiettivo di far apprendere le competenze e capacità pratico-teoriche e informatico-legali per quanto riguarda le tecnologie assistite e l’accessibilità, con particolare riferimento alla “Legge Stanca” (Decreto Ministeriale 8 luglio 2005) che garantisce l’accessibilità ai mezzi informativi – pubblici o di interesse pubblico – da parte di utenti disabili, e che inoltre prevede incentivi ai privati che decidono di rendere i propri siti accessibili.

Realizzare un sito web accessibile vuol dire soddisfare ogni tipo di bisogno informativo all’utente, al quale si deve fornire facilità per quanto riguarda l’accesso e la navigazione così da consentirgli un adeguato livello di comprensione di tutti i contenuti ed applicativi particolari.

Il corso è rivolto in particolar modo a professionisti IT, web master, amministratori aziendali, content manager, web writer, analisti e sviluppatori web, designer e grafici web, ai quali fornisce tutti gli strumenti teorici, pratici e tecnologici per l’applicazione dei principi di accessibilità.

Queste figure professionali, saranno quindi in grado, di sviluppare siti web efficacemente accessibili, ovvero siti che possono essere visitati da utenti indipendentemente dal personal computer che viene usato, dalla velocità del collegamento alla rete, dal browser di riferimento, dall’interfaccia dell’utenza, dalle periferiche eventualmente utilizzate, e in ultimo, ma di primaria importanza, da problemi derivanti da diverse tipologie e gradi di disabilità: disabilità sensoriali (vista, udito), disabilità motorie (impedimenti vari all’uso delle mani) e disabilità psichiche o cognitive.

Durante il corso verrà quindi analizzato a fondo il mondo dell’accessibilità sia da un punto di vista normativo che pratico: oltre alle tecniche avanzate di successo proprie dell’accessibilità saranno infatti approfondite le metodologie specifiche dell’usabilità per ottenere il massimo da siti e applicazioni Web.

Il corso, dunque, si pone come obiettivo quello di preparare, in tutti gli aspetti pratici, gli operatori nell’ambito della progettazione e gestione dei siti web affinché possano creare efficacemente siti web accessibili e quindi a norma di legge. In particolare, con riferimento agli standard internazionali (come ad esempio il progetto WAI – Web Accessibility Initiatives – del Consorzio W3C), alle disposizioni della Legge n.4/04 (ovvero la già citata “Legge Stanca”) ed alle regole della buona progettazione Web. A norma di legge, si sarà quindi capaci di progettare siti ed applicazioni web per diverse tipologie di utenti con disabilità. Infatti, l’obbligo di rendere siti web accessibili riguarda: pubbliche amministrazioni, enti pubblici, amministrazioni dello Stato, aziende di trasporto, aziende di telecomunicazioni, aziende di servizi informatici. Inoltre la legge prevede incentivi per coloro che rendono i siti accessibili.

Tutto ciò vuol dire una opportunità professionale che diventa necessità, anche con riferimento ai propri obiettivi imprenditoriali. Rendere un sito web accessibile significa, in termini economici e tecnologici, risparmiare sui costi di connessione, ampliare i target di accesso, aumentare la visibilità sui motori di ricerca.